UN PICCOLO DONO DI FERRAGOSTO

Per acquisire la necessaria serenità del vivere, senza la quale la vita si
appesantisce sino a trasformarsi in esistenza, propongo di sperimentare
“il nulla fare”, ovvero dedicarsi ad una immobilità assoluta, sia fisica che
mentale, evitando qualsiasi progettazione del fare e conseguentemente
evitando ogni azione, sia del corpo che della mente, che non tenda
a “svuotare il pensiero di qualsiasi movimento, perfino l’ascolto del silenzio”.

Così facendo una o due volte al giorno si potrà conoscere una estensione
infinita del tempo e pochi minuti di esercizio del “nulla fare” riveleranno
un sapore di eternità.
E’ appunto solo da vivi che gli esseri umani possono sperimentare l’immortalità.
Noterete che nella realtà sociale che ci caratterizza tutti hanno sempre
qualcosa da fare, anche chi non ha nulla da fare e nessun obbligo,
travolto com’è nel cercare qualcosa da fare.
Buon viaggio dunque nel mare infinito del “nulla fare”.

9 Responses

  1. Marco Sabatini ago 14, 2017 - Reply

    Grazie Silvano accolgo in pieno il tuo appello. Un grande saluto

  2. Sergio ago 14, 2017 - Reply

    Condivido al 100% il tuo pensiero.
    Grazie Silvano e buon “nulla fare” anche a te.

  3. Massimiliano ago 14, 2017 - Reply

    Il Wu – Wei di Lao Tsu (Azione senza Azione).
    Totalmente d’accordo!
    Ciao!!!

  4. Piergiulio ago 29, 2017 - Reply

    Grazie del regalo! Pg

  5. Christian ago 29, 2017 - Reply

    Secondo me il non fare nulla porta all’ ozio , che come sappiamo è il padre dei vizi . Personalmente non faccio nulla prima di addormentarmi .

    Oh Silvano !?

  6. Douglas ago 30, 2017 - Reply

    Secondo me i drogati sono quelli che dopo essersi fatti non fanno niente . Contenti voi ?!

  7. Frances set 11, 2017 - Reply

    si fa a tre Livelli, fisico [Corpo, Azioni fisiche], psichico [Sentimenti, Emozioni], mentale [Pensieri, Parole],

    e innanzitutto ed infine, al 0° e 4° Livello, coscienziale [secondo la Particella della Luce (che è Dio), che siamo eternamente; gli altri 3 Livelli li abbiamo in Dotazione temporal-localmente, e sono dotati di Nome e Cognome], così,

    siccome da dopo che siamo nati i [primi 3] Livelli vengono viziati da disEducazione [culturale, politica, religiosa, ideologica] o Indottrinamento

    [v. anche quanto sostiene Silvano circa la Scuola che diseduca ed indottrina; ma oltre quella c’è tutto quanto è istituzionalizzato, dalla Religione alla Politica, che include le Élites e Lobbies e Logge e altro, tutti finalizzate a soddisfare il Benessere di qualcuno a detrimento del Benessere di qualcun altro; viceversa la Coscienza,originale e mai istituzionalizzata, persegue il Benessere di tutti, indistintamente, senza Eccezioni, quali Creature concepite e forgiate dalla Luce (che è Dio: Bene/Felicità interiore più Forza/Felicità esteriore)],

    allora l’Arresto del Fare di cui dice Silvano ha Senso, Significato [ed è una disEducazione alla cattiva disEducazione, o Indottrinamento, ricevuti (v. sopra)],

    mentre è coscienzialmente [v. sopra] che il Fare va, viceversa, implementato: l’Attivazione ed Attività della Coscienza

    [Rif. p. Es. ”fatti Coscienza” di Diego Cugia https://www.youtube.com/watch?v=prshLw1_DSs et p. Es. (copia-incollato da Sito relativo) ”il Testimone silente” di Osho

    ”Osho No Mind Meditation

    Questa meditazione è costruita specificamente per aiutare a espellere tutto quel pattume fastidioso che abbiamo nella mente, in modo che il testimone, quel silente osservare che è meditazione, possa accadere. Negli ultimi mesi, prima che smettesse di parlare, Osho concluse tutti i suoi discorsi serali con questa meditazione.

    Primo stadio: Gibberish, o emissione di suoni senza senso : seduto o in piedi, chiudi gli occhi e comincia a fare suoni senza senso – il gibberish. Fai i suoni che vuoi, ma non usare un linguaggio, o parole che conosci. Lasciati lo spazio per esprimere qualsiasi cosa che abbia bisogno di essere espressa dentro di te. Butta fuori ogni cosa, diventa pazzo consapevolmente. La mente passa in termini di parole; il gibberish aiuta a rompere questi modelli di continua verbalizzazione. Senza sopprimere i tuoi pensieri, li butterai fuori in questa meditazione. Tutto è permesso: puoi cantare, piangere, urlare, gridare, bofonchiare, parlare. Lascia che il tuo corpo faccia tutto quello che vuole: saltare, sdraiarsi, camminare, sedersi, scalciare e così via. Non permettere che ci siano degli intervalli. Se non riesci a trovare dei suoni con i quali fare il gibberish, semplicemente ripeti la la la, ma non stare in silenzio.

    Secondo stadio: essere un testimone: siedi assolutamente immobile e in silenzio, rilassato. Raccogli in te tutta la tua energia. Lascia che i tuoi pensieri si allontanino sempre più da te, e concediti di cadere nel profondo silenzio e nell’intima quiete che esiste nel centro del tuo essere. Sii consapevole e totalmente presente nel momento.

    Terzo stadio: lasciarsi andare: lascia che il tuo corpo ricada all’indietro fino a terra, senza fare sforzi nè controllarlo. Mentre sei sdraiato, continua a essere un testimone consapevole di non essere il corpo, nè la mente: sei qualcosa di separato da entrambi. Viaggiando sempre più a fondo nel tuo essere, a un certo punto arriverai a toccare il tuo centro. Tieni gli occhi chiusi.

    La non mente è intelligenza. La mente è puro farfuglio, privo di intelligenza. Io ti chiedo di espellere la mente e tutta la sua attività in modo che tu possa restare puro, ripulito, trasparente, percettivo.

    (Osho – This, This, A Thousand Times This)”],

    mentre dopo il Decondizionamento è bene procedere ad un Condizionamento a Beneficio proprio ed altrui [p. Es. Recitazione di Mantra significativi, Sillabe Seme da piantare perché cresca un Albero da Frutta relativo,

    quali ”om Mani Pedme hum hrì Prabhasvara” o, ”gate gate paragate parasamgate bodhi svaha”].

    Felicità e Bene interiore più Felicità e Forza esteriore a tutti e, illuminante-Illuminazione.

  8. Frances set 11, 2017 - Reply

    un altro Dono [sulla Base di un Dono suo, Silvano (*)], da condividere, è la Possibilità e Dovere [Diritto e Dovere] di festeggiare, ogni Giorno, il COMPLEGIORNO,

    accendendo le CANDELE tradizionali [p. Es. nei Compleanni], rappresentative della Luce [v. Commenti precedenti o, de ”la Luce che arriva ed il Buio se ne va”, oppure, ”la Luce che appare ed il Buio scompare” (dove la Luce è rappresentativa del Benessere e Allegrezza, mentre il Buio è rappresentativo dell’Afflizione o Sofferenza)],

    e meglio 3 CANDELE [rappresentative de, e celebranti (la Luce ne) i 3 Tempi:

    Passato, Presente, Futuro e meglio, per i Giorni passati, quelli presenti e quelli futuri oppure, per ogni Essere vissuto in Passato, vivente nel Presente e che vivrà nel Futuro]:

    e dunque, ”bel [fatto di Pensieri di Verità, Sentimenti di Bene e quindi, Azioni di Bellezza] COMPLEGIORNO a tutti!”.

    Felicità/Luce dentro più Felicità/Luce fuori a tutti.

    (*) Silvano è il Profeta o Maestro presente, che spiega in Termini adatti all’Uomo [Essere umano] attuale, i Concetti im-portanti della Vita [che sostengono le nostre eSistenze], conclamati adi Saggi [Scienziati spirituali] di ogni Tempo-e-Luogo [ovvero, presenti in ogni Tradizione (spirituale o coscienziale) etnica], quali per Esempio il Diritto e Dovere di Celebrazione e comMemorazione dell'[eterno] Momento presente: grazie di buon Cuore a lui,

    ricordando[ci] che ”sciocco è colui che guarda il Dito che gli indica la Luna piena, che gli indica il Sole, che gli indica la Luce [che è Dio]” e viceversa, ”intelligente è colui che guarda la Luce, indicatagli dal Dito”.

  9. Douglas ott 25, 2017 - Reply

    Frances continui a postare commenti lunghissimi . Mi domando ma perché non ti fai un sito tuo ?

Leave a Reply