Programmazione 05/2018

6 Responses

  1. Frances Mag 08, 2018 - Reply

    Jodorowski Psicomago e Agosti Artista [i due Termini definenti sono scambievoli, allorquando l’Operatore ha acquisito un sufficiente Livello di Consapevolezza, v. Buddhità o Cristità, illuminante-Illuminazione, o, Evoluzione coscienziale (la Coscienza è ciò che siamo, un Ologramma della Luce che è Dio, da cui veniamo, v. Seme, a cui andiamo, v. Albero con Frutto maturo)],

    v. 2’07” https://www.youtube.com/watch?v=xyc99S9Jqyc

    e qui quanto può accomunare l’Opera dell’uno [v. Consigli seguenti, da ”Manuale pratico di Psicomagia: Consigli per guarire la tua Vita”, Edizioni Kindle] e dell’altro [v. Film simbolico ”nel più alto dei Cieli”]:

    ”PAPESSE A ROMA Poiché l’autorità ecclesiastica poggia interamente su di un uomo celibe (rappresentante di un Dio Padre, con l’esclusione di una Dea Madre), consiglio una protesta pacifica: nel momento in cui il papa fa un’apparizione pubblica in Vaticano, devono recarsi laggiù a chiedere la sua benedizione mille o più donne travestite da papesse”

    Felicità interiore-esteriore a ciascuno, ovunque-sempre

  2. Frances Mag 08, 2018 - Reply

    a 2’50” circa Battiato, in una Conferenza con Agosti, Jodorowski e altri, parla di Società attuale Macchine, come in ”N.P. il Segreto” ne parla Silvano, https://www.youtube.com/watch?v=BhqkV3RwnpY ,

    mentre si può considerare che dopo l’Epoca dell’Industrializzazione, disumana e disumanizzante [quantomeno la Deriva, v. Eccesso, che ha preso], in cui l’Essere umano è stato fatto Schiavo delle Macchine,

    è giunta l’Epoca della Macchinizzazione degli Esseri umani [altrettanto disumana e disumanizzante, v. Eccesso], che li ha resi Schiavi di loro stessi [ridotti in Macchine, che funzionano come tali, tramite gli Apparecchi artificiali preposti ad aver causato quella Disumanizzazione, Macchinizzazione: Orologi, Telefoni portatili, Computers, altro],

    sicché l’Epoca della Riumanizzazione [l’Uomo è fra Bestia ed Angelo; involutivamente si avvicina alla Bestia, evolutivamente si avvicina all’Angelo], è attesa e si sta realizzando,

    v. Economia sostenibile ed ecologica [l’Essere umano è parte dell’Ecosistema] nel Settore economico, v. ”medical Humanities” nel Settore sanitario, v. Libertà a ciascuno e mutuale Rispetto della Singolarità individuale [posta a Beneficio proprio ed altrui] nel Settore sociale [che si relaziona alla Proposta di Agosti di dichiarare (considerare e trattare conseguentemente) ‘l’Essere umano Patrimonio dell’Umanità o, meraviglia del Mondo” come suggerisce Silvano)],

    mentre in Passato c’è p. Es. l’Esempio di Esseri umani che si esprimevano artisticamente e veracemente/affettuosamente [p. Es. Serenate] mente nell’Epoca della Macchinizzazione [industriale o personale], tutto viene espresso artificiosamente [generalmente a Scopo di Business, senza Affetto], secondo [cattivi] Ideali promossi dagli Strateghi di Marketing [p. Es. tramite i Media], che agiscono in ogni Àmbito [dalla Pubblicità alla Politica, altro], e tutto è automatizzato [standardizzato],

    e bisogna poter trovare quell’Equilibrio per qui le Macchine servano l’Essere umano [anche vivente e senziente], e l’Essere umano abbia il Tempo [legato a Spazio ed Energia] per sviluppare tutte le sue Potenzialità/Talenti [Virtù; in Direzione angelica, paradisiaca, diversa dalla Direzione bestiale, infernale (Vizi)];

    Felicità interiore-esteriore a ciascuno, ovunque-sempre e Bene interiore-più-Forza esteriore.

    • Frances Mag 08, 2018 - Reply

      a 21′ circa Silvano spiega che non c’è alcuna Distinzione fra Spirito e Materia, ed è così per la Persona illuminante-illuminata, che riesce a manifestare in Mondo delle iDee o iDei o iDeali, nel Mondo della Concretezza [ed è quello che ciascuno è invitato a fare, da sempre ed in ogni Tradizione spirituale etnica];

      Equilibrio a ciascuno, ovunque-sempre e Felicità interiore-esteriore a ciascuno.

    • Frances Mag 09, 2018 - Reply

      ALCUNI CONSIGLI PSICOMAGICI PER I TEMPI ECONOMICI DIFFICILI [SIA PER CHI HA UN IMPIEGO, CHE PER CHI NO]

      [Preambolo: La psicomagia non pretende di agire sulle menti altrui costringendole a realizzare atti che non vogliono: questa attività è tipica della magia, bianca o nera. Una cosa è guarire se stessi, un’altra è pretendere di cambiare gli altri senza prima trasformarci noi]

      Per esempio:

      PROTEGGERSI DA COLLEGHI INVIDIOSI

      La magia ci consiglia di portarci appresso un’immagine di Shango, il dio africano del fuoco, affinché assorba i poteri dell’invidia trasformandoli a nostro favore. Invece la psicomagia consiglia al/alla consultante che non riesce a lavorare in tutta tranquillità perché si sente invidiato/a dai colleghi, di accettare l’idea che il mondo è come è, e non solo come lui crede che sia. L’invidia che percepisce negli altri, in realtà viene soltanto per metà dall’esterno, e per metà dal suo interno.
      L’unico modo di trasformarla non è rifletterla come uno specchio, bensì risponderle con amore. Per cui dovrà: Far stampare su una maglietta – che indosserà sotto la camicia – un grande cuore sul davanti e un grande cuore sul dietro. E se ne andrà in giro così, in un panino di cuori, passando immune in mezzo alle cattive vibrazioni. Se ha dei collaboratori, farà in modo che anch’essi indossino quel genere di maglietta, ma senza dirlo a nessuno. Semineranno amore ovunque vadano.

      PROTEGGERSI DA UN NEMICO SUL LAVORO

      La magia ci propone di sottrarre e stregare un qualche oggetto che la persona in questione tiene sempre sulla scrivania e usa normalmente, recitando: “Così come di questo (nome dell’oggetto), (nome della persona) di me bisogno dovrà avere, e legato/a me dovrà rimanere”. Poi si rimette l’oggetto al suo posto, sulla scrivania… Ma se facciamo ricorso alla psicomagia, prima di mettere in pratica pratica un consiglio indagheremo sul passato del/della consultante: Gli chiederemo di fare un elenco dei nemici che ha avuto, dal più recente al più antico (magari lo ritrova nella scuola dove ha studiato, o magari all’interno della famiglia, un fratello/una sorella, un parente o un patrigno). A quel punto capirà che i nemici esterni sono in gran parte proiezioni dei nemici che conserva nella memoria. Per far cessare tale inimicizia, il/la consultante dovrà sforzarsi di compiere gesti benevoli nei confronti del “nemico”. Consiglio di posare sulla sua scrivania, in forma anonima e per quindici giorni consecutivi, una rosa bianca.

      DIVENTARE AUTONOMI E METTERSI IN PROPRIO

      La magia ci propone di tenere un amuleto portafortuna. Per esempio, prendere un ferro di cavallo e recitare: “Rendimi la sorte propizia, concedimi la prosperità”. Poi dobbiamo appenderlo capovolto sulla porta del locale dove andremo a lavorare, nella parte interna. Invece, durante una seduta di psicomagia studieremo quale livello di disagio generi l’incertezza di non avere uno stipendio fisso, sebbene il/la consultante che vorrebbe mettersi in proprio apprezzi l’idea di non sentirsi vincolato agli orari altrui, potendo impiegare il tempo come desidera, e mangiare o riposare senza che nessuno gli metta fretta. Nel profondo dell’inconscio, il carattere che abbiamo acquisito nell’infanzia continua a condizionarci.
      Nella maggior parte delle famiglie non si insegna ai figli a gestire il denaro, non gli si apre un conto in banca, non li si premia economicamente. Diventati adulti, questi bambini molto dipendenti dai genitori, pur di godere di uno stipendio sicuro
      continueranno a cercare lavori che la maggior parte delle volte non saranno soddisfacenti. Non hanno imparato a investire. Li terrorizza l’idea di prendersi dei rischi. Uno dei principali slogan del surrealismo è “Lasciare il certo per l’incerto”.
      Il modo migliore per diventare un professionista autonomo è sviluppare la capacità di guadagnare denaro, investendo in un primo tempo in piccole attività nuovissime, assolutamente incerte, originali e stravaganti, e arrivare a mantenersi facendo ciò che potrebbe sembrare improduttivo. Se il/la consultante ci riesce, si sentirà più forte e sarà capace di lanciarsi in affari più grandi senza avere bisogno di inchiodare ferri di cavallo sulla porta; perché è consapevole che la buona sorte non è una manna che cade dal cielo, ma per goderne bisogna essere capaci di seminarla investendo con coraggio. Esempi di piccole attività nuovissime:
      a) così come i bambini costruiscono pupazzi e modellini di ogni genere di automobili per poi dipingerli, organizzare laboratori in cui, come meditazione, i partecipanti dipingono statuette di Buddha e divinità orientali;
      b) collaborare con un veterinario per massaggiare i gatti;
      c) muniti di un mazzetto di erbe e acqua benedetta, ripulire dai residui psicologici i divani e le poltrone degli psicanalisti;
      d) proporre ai mutilati corsi di ginnastica rieducativa per gli arti fantasma;
      e) dopo avere spiegato che il cervello riconosce l’effetto placebo, fare trattamenti di agopuntura conficcando gli aghi nell’ombra dei pazienti;
      f) vestirsi da monaco francescano e, affermando che gli animali hanno un’anima, battezzare cani, gatti, pappagalli e topolini bianchi secondo il rito cristiano perché possano entrare in paradiso;
      g) considerando che tutti i calvi serbano nella memoria la chioma perduta, diventare il loro parrucchiere lavando e pettinando ciocche invisibili.
      Se il consultante riesce a guadagnare qualche soldo con questo genere di mestieri stravaganti, sarà pronto ad avere successo creando un proprio giro d’affari serio e indipendente.

      [Fonte: Jodorowsky, Alejandro. Manuale pratico di psicomagia: Consigli per guarire la tua vita (Italian Edition) (posizioni nel Kindle 1586-1588). Feltrinelli Editore. Edizione del Kindle]

      • Frances Mag 09, 2018 - Reply

        dalle Opere di Jodorowski: la Psicomagia come la Tarotologia non servono a distruggere l’altro ma, a guarirlo [in Termini medicali cinesi: che ritrovi l’Equilibrio], così per sé [e quando qualcuno sta bene, giace in Equilibrio, senza Eccessi e senza Difetti, senza Attaccamenti né Repulsioni, ciò risulta benefico per sé e per il prossimo (siamo tutti interconnessi; le Parti del Tutto sono fra loro interconnesse)], laddove i Diverbi e la Malattia è generata da Disequilibrio [cfr. anche p. Es. Tecniche di Riequilibrio emozionale, di Roy Martina]; Felicità interiore-più-Felicità esteriore a ciascuno, ovunque-sempre.

  3. Frances Mag 21, 2018 - Reply

    per sviluppare la Consapevolezza utile a raggiungere quanto suggerisce Silvano [v. Essere umano, vivente senziente, quale Patrimonio dell’Umanità], ecco alcuni Esercizi spirituali, o Strumenti coscienziali, [da praticare],

    sia medicali [1.], che filosofici [2.], che catartici [3. e 4.]:

    OSSERVAZIONE 1., del Medico Lorenzo Paride Capello [in ”Massaggio curativo e Cure integrate”, Capitolo Gestione del Transfer],

    ”[…] potrai parlare anche del tuo altrettanto faticoso Percorso di Crescita, mostrandoti con le tue Debolezze, i tuoi Difetti, le tue Sofferenze, i tuoi Errori, i tuoi Limiti; è così normale e terribilmente umano avere dei Problemi; potrai trarre tu stesso un Beneficio del Dialogo con una Persona che pone Quesiti interessanti e Punti di Vista nuovi; ci dibattiamo tutti tra Dilemmi morali e Conflitti etici, fatichiamo a metter d’accordo l’Esperienza quotidiana con i Principi e con le nostre Convinzioni, la Ragione con le Emozioni e con l’Istintività; gli Esseri umani hanno gli stessi Desideri, gli stessi Dubbi, le stesse Paure, gli stessi Problemi filosofici -più che psicologici o psichiatrici-, hanno voglia di migliorare, di trovare il Senso profondo dell’Esistenza; tutti sono alla Ricerca di una Vita più piena, significante, soddisfacente: dunque possiamo capirci profondamente l’un l’altro, lamentarci per le Sofferenze e gioire insieme dei Successi; […]”,

    OSSERVAZIONE 2., del Maestro spirituale Tenzin Giatso [v. ”Ethics for the new Millenium”], http://www.agnt.org/ethics-study-course#intro

    OSSERVAZIONE 3., del Terapeuta psicomagico Alejandro Jodorowski [in ” Manuale pratico di Psicomagia: Consigli pratici per guarire la tua Vita”], p. Es.

    ”[…] un Uomo haitiano, con la Pelle scura ma non troppo, non è a suo Agio con il suo Corpo, si sente discriminato e vorrebbe cambiare Identità, fa il Musicista: gli consiglio di passeggiare per le Vie della sua Città dopo essersi truccato interamente con un Fondotinta di Colore pallidissimo, rosa Carne, si siederà nel déhors di un Caffé e suonerà una Melodia, dopodiché deve tornare a Casa e truccarsi con un Fondotinta di Colore scurissimo, quasi Nero, compirà lo stesso Percorso e suonerà la stessa Melodia, ed infine ripeterà tutto una terza Volta, senza Trucco, presentandosi con il suo Colore naturale.”

    OSSERVAZIONE 4., dell’Antropologa Cecilia Gatto Trocchi [in ”le più belle Fiabe popolari italiane”, Capitolo Introduzione],

    ”[…] la Fiaba diventa Parabola della Vita stessa, da cui trarre Insegnamento; la Morale della Fiaba non è quella “appiccicata” alla Fine del Racconto: la Morale della Fiaba è tutto il Percorso narrativo, in cui la Stasi è considerata sicuramente la Rovina; il Procedere verso un Fine [che è un ”lieto Fine”] è presentato come l’unica Salvezza;[…] nel traversare la Foresta dei Sortilegi, nell’affrontare il Pericolo, nel superare le Prove dolorose o difficili, il Protagonista acquista qualcosa, ed è sempre migliore rispetto al Passato; penso alla Possibilità dinamica a cui alludeva Friedrich Schiller, quando scrisse: “ho trovato un Significato più profondo nelle Fiabe che mi furono narrate nella mia Infanzia, che nella Realtà quale mi è stata insegnata nella Vita”; occorre allora ipotizzare che lo ”Schema iniziatico” sia una Struttura profonda dell’Avventura […], l’Eroe che porta a termine Imprese difficili, […] ripropone lo Schema implicito delle Iniziazioni rituali […], Compito difficile: quello di raggiungere una Coscienza matura adatta a fronteggiare la dura Realtà;Critici letterari come G.K. Chesterton e C.S. Lewis capirono che le Fiabe sono Esplorazioni spirituali, che rivelano ”la Vita umana come è vista o sentita o intuita dall’Intimo”;[…] un Universo narrativo così compatto non può soggiacere alle Mode o ai Programmi pedagogici ”razionaleggianti”, la ”Necessità” del Racconto di Magia è provata dalla Persistenza e dalla Continuità dei suoi Temi e dei suoi Motivi in Arte, in Musica, in Letteratura; il Racconto di Magia finisce con il cogliere qualcosa di Profondo ed Insondabile, che momentaneamente e fulmineamente si cala nella breve Storia quotidiana; la Favola avvicina a ”Verità remote e insondabili Profondità”, come affermava il Rabbi Nachman di Breslav, che bruciò i suoi dotti Scritti teologici e affidò tutto il suo Sapere mistico a tredici Favole di Magia; in una Frase del Mahabarata, Poema epico indiano, si afferma: ”Ascoltate le Fiabe, sono meravigliose e permettono di salvarsi l’Anima”.”;

    FELICITÀ/BENE/LUCE INTERIORE-PIÙ-FELICITÀ/FORZA/LUCE ESTERIORE A CIASCUNO, OVUNQUE-SEMPRE

Leave a Reply